Blog: http://fulmini.ilcannocchiale.it

LO SPACCO - 14 - poesia e pittura


[Umit Inatci, L’atto sospeso, acrilico su tela e controplacca (legno compresso), pennello, cuoio, rame e filo di ottone -140 x140 cm]

L’amore è latitante

Il corpo ardente dei giorni scintillosi
nei turni di frantumazione del tempo
é piu veloce del sole più fuoco del fuoco
fulmineo e senza perdono come la morte
e l’amore é latitante.

Mentre l’oscurita é gravida di altre luci
e la terra germoglia altri verdi
la vagina insanguinante dei giorni abortiti
é perdente-tragico come innovazioni rinnegate
e l’amore é latitante.

Mentre la fine dell’inizio e l’inizio della fine
si scambiano le loro posizioni
e l’infinità si collega al pilota automatico
la mandibola d’acciaio dei giorni roditori
é come l’omicidio determinato senza scrupolo
e l’amore é latitante.

Nei momenti di eccitazione delle parole
quando le simpatie delle poesie si mascherano da pazzie
ed il nero delle vesti di lutto inscurisce ancor di più
mal di diaframma dei giorni spasmodici
é provocatorio senza ragione quanto il suicidio
e l’amore é latitante.

Canzoni acide sogni e sorrisi croccanti
conversazioni fluide bestemmie distillate
uccelli d’acciaio che di morte cantano
le mosche di Somalia sulle mie guance cacano
sul fondo di uno stivale da soldato la pietà si svergina
e l’amore é latitante.

Umit Inatci


Pubblicato il 9/1/2008 alle 6.6 nella rubrica LO SPACCO.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web