.
Annunci online

fulmini
e saette
TECNOLOGIE
18 febbraio 2008
Knowledge sharing

[ click ]
Il Knowledge Sharing è un sistema per accrescere il potere competitivo delle organizzazioni e migliorarne l'efficienza attraverso la condivisione, la valorizzazione e l'accrescimento del Capitale Intellettuale.

In fondo si scontrano due weltanshauung. Leonardo Chiariglione punta sulla scommessa di mettere ordine al caos: gli è già riuscito introducendo gli standard Mpeg2, Mpeg3 ed Mp3 [gli oggetti che hanno dato origine alla pratica del file sharing, per intenderci] di cui è riconosciuto come il concept designer, nonché principale artefice e sviluppatore. Dall’altra il caos, il magma: che proprio dalla creatio ex nihilo, tracimata nel file sharing, ha di fatto abbattuto le ultime barriere della riproducibilità remota, ma in tempo reale, degli oggetti autoriali o di conoscenza: in particolare nei mercati entertainment [giochi, musica, film].

A me la
questio ricorda la solita pulsione delle società abbienti che pur disponendo di tutto il necessario, e molto di più, per vivere bene, prima vengono allettate da vaghi concetti di libertà assoluta e poi terrorizzate da politiche più o meno repressive, agite su soggetti fondamentalmente anestetizzati. E pertanto incapaci di reazione logica. Sempre di più allevati a pane e paura, salvo delegare ad un supercop impotente ed onnipresente soluzioni che la semplice capacità di discernimento medio ricondurrebbe al feriale rischio di vivere.

L’occasione di questo discorsetto in piccoli cenni sull’universo è stata offerta dal secondo seminario promosso dalla
Fondazione Ugo Bordoni, il 30 gennaio scorso. Tema: il DRM. Per la tassonomia: Le tecniche di tutela dei diritti nei contenuti digitali: un freno o un impulso allo sviluppo della società dell'informazione? Svolgimento [secondo Chiariglione]: occorre dare una dignità di standard alla protezione delle opere dell’ingegno, illimitatamente riproducibili dalle tecnologie digitali, ormai a costi che tendono allo zero. Il pericolo che Chiariglione paventa è il prosciugarsi dell’interesse monetario a spremere meningi ed intelletto per far avanzare le magnifiche sorti e progressive dell’umano. Un po’ alla maniera dello scenario n° 3 secondo Bruce Sterling [un futuro ad alto tasso tecnologico ed alto controllo, ndr].

S’è già capito che il sottoscritto ritiene infondata questa prospettiva, e non mi dilungo a spiegare perché [se ci saranno commenti proverò a rispondere puntualmente]. Altra questione è quella di
tracciare i contenuti che girano per reti e piattaforme, estraendo un superindice in salsa web 2.0 se non 3.0, come accade per i corsi di borsa. Ma come accade anche per le pubblicazioni scientifiche. Non per pesare chi ne sa di più, ma semplicemente per aggregare meglio contenuti analoghi e fare meglio knowledge sharing.

Da questo punto di vista uno standard che soddisfi i criteri di Chiariglione può essere utile. Ma va assolutamente separato dal profilo di
RM che delimita il campo di applicazione di tecnologie in grado di contribuire alla reductio ad unum, ovvero all’avanzare della cooperazione creativa ed intellettuale in regimi differenziati [open e pay]. Facilitando la scalabilità delle conoscenze condivise, allo scopo di condividerne sempre di più e sempre più diffusamente. Fino alla domanda delle domande già posta da Agostino da Ippona: quaestio mihi factus sum [sono divenuto domanda a me stesso, grossier, in Confessioni, libro X 33.50, e rimbalzata tra le pagine di Hannah Arendt].

Link mapknowl.edge|weltanshauung|file sharing|garland|fub|drm|standard commettee|sterling|agostino|arendt

vita familiare
18 gennaio 2008
Figlio del tuo figlio

[Nasce oggi la nuova rubrica mensile APOLOGETICA di Giuseppe Nenna, che qualcuno di noi conosce telematicamente come 'ethos'. Io l'ho conosciuto completo di corpo al bar lecorbuseriano della Feltrinelli Argentina: sento un tocco sulla spalla mi volto e già sorride.]

Eftimios significa “colui che porta la gioia”

Ho conosciuto Pasquale grazie a Nefeli. Una volta l’ho sentito al citofono, sbagliando il tasto del citofono. Non ci sapevamo ancora ed io percepii una voce accogliente che mi re-indirizzava, garbatamente, alla figlia. Non avevo cognizione del suo lavoro.

Iniziavo a farmene un’idea osservando le foto che cominciavo a frequentare dal suo blog: mai fisse, sempre con una dinamica intima, che tracima dallo schermo e ti entra in casa e nel cervello. Poi leggendolo attraverso i post. Fino ad incontrarlo presso il suo ufficio con balconata su piazzale Argentina, lato Feltrinelli. Anzi, proprio dentro la Feltrinelli. Eppure la sua affabilità meridionale è sempre percorsa da un velo di malinconia, che affiora da occhi carichi di misericordia. Mi chiedevo ove s'abbeverasse quella tristezza in un uomo tanto avvinto dal miracolo dell’esistenza. Fino a danzare con la vita, in due, tre, quattro, mille mondi. Battuti, calpestati, filmati, fotografati, de-scritti.

Lessi.

«
Nella seconda metà del mese di maggio 2002 [l'anno palindromo, "che corre indietro"] ho scritto di getto questa “Vita breve di Eftimios”. Senza un piano, senza uno schema, sono venute fuori queste 42 pagine strutturate fin dal primo momento e dalla prima all’ultima come canti.

In realtà era dal 1987 che ci provavo, a raccontarlo, Eftimios. In tutte le opere che ho realizzato da allora, film, documentari, corti, e libri, saggi, articoli, e programmi televisivi e poesie e racconti, insomma in tutto. In quei quindici anni avevo fatto di me stesso un uomo teso a restituirlo, Eftimios, a chi non lo aveva ancora conosciuto
».

«
Continuo a parlarvi, a parlarti di Eftimios, oltre la sua vita breve, pubblicando e commentando fiori intorno a lui, non fiori recisi, agonizzanti, e nemmeno fiori piantine, moriture, bensì fiori di carta, fiori di parole sempreverdi, fiori-poesie. Lo faccio con i fiori della poesia italiana di tutti i tempi. Un poeta, un fiore-poesia».

«
Certo, si può rivivere la storia di una persona e si può riscrivere la storia di un personaggio, ma non è la sua stessa storia di vita e la medesima sua storia di fantasia. Sono una variazione a partire da un modello e una invenzione a cominciare da un’idea. Ma sono appunto altre storie. Possiamo somigliare quanto vogliamo, puoi scrivere quanto vuoi, siamo sempre tu e io.

Certo, ognuno di noi può comprendere gli altri. Se li comprende tutti è raro. Mi viene in mente Gesù, mi viene in mente Eftimios
».

«
Una locomotiva col fumo bianco sotto il cielo azzurro, una scheggia - come dicono da queste parti. E gli altri? Il campioncino etrusco non credeva potesse perdere. Gli scarpini chiodati, il babbo e la mamma sicuri, le amichette veneranti. Agli stacchi di partenza s’inginocchia, scalcia come ha visto fare in televisione, come gli ha detto l’allenatore, per sciogliere i muscoli, ma in realtà perché è un puledro, un cervo, c’è il sole, le ragazze e deve vincere. Ma non vince, corre, spinge, si agita, s’impalla, ed Eftimios fila via come un treno leggero, col fumo in testa.

Arriva con la coppa di latta bagnata d’oro. Aveva vinto i campionati regionali senza sforzo. E poi, il tumore al cervello, che non gli farà vivere l'estate. Eftimios ha detto mai una parola su Dio? No. Nelle chiese entrava solo per vedere i quadri, gli affreschi, gli stucchi, le sculture
».

«
L’essere umano autonomo, che si dà le regole da solo, e le osserva, rinnovandole continuamente, tenendo in conto gli altri, tutti gli altri, la loro felicità, il loro bene. Autonomo, ho scritto, non indipendente: il rovescio di un ente non è il suo contrario, no?

Le persone si fanno le opinioni imitando gli altri, o contrapponendosi agli altri: “distinguersi per apparire”, no? Eftimios era diverso, costruiva il suo pensiero senza appigli, senza stampelle, senza note a pie’ di pagina. Quando incontrava un problema o un altro essere, partiva dal problema e dall’altro, trovava la sua soluzione, il suo altro. Cominciando sempre, incessantemente, dal principio, sempre di nuovo, sempre nuovo.

Il corpo no. Quello va per conto suo, come una casa, che tende a cadere, a corrompersi, come una nota del pianoforte, che tende a diminuire per quanto si batta forte sulla tastiera. Gli cambiavano il corpo, la natura, i farmaci, i dottori e le dottoresse, lo gonfiavano, lo impallidivano, lo invecchiavano, il tumore è una accelerazione mostruosa del tempo, no? Ma gli occhi? Gli occhi no. Restano sempre gli stessi, sempre uguali al principio. Tu apri gli occhi e hai il tuo sguardo, solo tuo. Il mondo fa bene a rassegnarsi a quel tuo sguardo.

Dietro la faccia, dietro le palpebre, gli occhi di Eftimios sono rimasti sempre gli stessi, fino alla fine, e oltre
».

«
Eftimios non ha mai schiaffeggiato nessuno, ma qualche volta me lo sarei meritato, qualche volta ce lo meritiamo, no? E quella volta?

Quella volta giocavamo alla pari, volevo batterlo a tutti i costi, perché dovesse continuare a tutti i costi, a vivere, a chiedermi la rivincita. I pezzi danzavano sulla scacchiera, come certe donne di prima mattina. Le mosse, diceva Eftimios, non dovevano essere soltanto buone - utili, funzionali, razionali - dovevano essere buone e belle. La scacchiera era come un quadro, è come un quadro, no?

Ma non c’era niente da fare, vinceva lui. Aveva deciso di chiudere la partita.

Ma a modo suo: qualche mossa prima della sua certa vittoria, prima della morte del mio Re, girò gli occhi lucenti mi guardò e mi concesse la patta
».

Eftimios giocò la sua partita fino in fondo, come attraversasse il set per interpretare Antonius Block irridendo alla morte [Ingmar Bergman, “Il settimo sigillo”]. Ed io lo immagino oggi abbracciare Pasquale e Alexandra e Nefeli e Sofia con la levità di chi si è spossessato del corpo, avendolo indossato come aveva annotato Edith Stein:

«
Passeggiando sul filo dei pensieri
urtavamo borghesi benvestiti
che indossavano come abiti buoni
opinioni morali e religioni,
a questo dando il nome
dignitoso e solenne di persone.

Ma l’essere non tollera vestiti
e si fa beffe di tutti i nostri armadi,
non ha bisogno di specchi per sapere
se questo o quello sta bene o male
e la coscienza indossa
soltanto mente, cuore, sangue e ossa»

[Giampiero Pizzol, “A piedi scalzi ”, oratorio in musica dedicato ad Edith Stein]
.

Ai suoi piedi depongo fiori di carta, fiori di parole sempreverdi, fiori-poesie. Alla maniera di Pasquale:
«Questo racconto, questa testimonianza, questa cronaca, questa storia, continueranno in altre opere. Finché vivo. Ma adesso posso morire». Lo annego. Lo annego nella poesia.

«
Quante possibile vite nell’addio
Di questa povera e minima morte,
Quante possibili vite che la sorte
Avrebbe dato al ricordo o all’oblio!
Quando io morirò morirà un passato;
Con questo fiore un avvenire è morto
In acque che ignorano, un aperto
Avvenire dagli astri devastato.
Io, come lei, muoio in infiniti
Destini che il caso non mi porge;
Cerca la mia ombra i logorati miti
Di una patria che sempre fece fronte.
Un breve marmo ne serba la memoria;
Atroce su di noi cresce la storia».

[Jorge Luis Borges, “In memoria di Angelica”, in “La rosa profonda”. Angélica de Torre, nipote di JLB, morì annegata a 5 anni in una piscina]
.

Ma come uno Stalker:

«
Che si avverino i loro desideri e che diventino indifesi come bambini, perché la debolezza è potenza e la forza è niente. Quando l’uomo nasce è debole e duttile, quando muore è forte è rigido. Così come l’albero: mentre cresce è tenero e flessibile, quando è duro e secco, muore. Rigidità e forza sono compagne della morte, debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell’esistenza. Ciò che si è irrigidito non vincerà».

Blasfemo, parafraso Dante, canto il XXXIII canto del Paradiso:

«
Vergine padre, figlio del tuo Figlio, umile ed alto più che creatura, termine fisso d'eterno consiglio».

HESITATION

[Paolo Conte, Aguaplano, AD 1987]

Oggi nasceva Eftimios. Oggi Eftimios sorride. Eftimios significa “colui che porta la gioia”.

Link map
: nefeli|fulmini 1663872|1687084|1622671|1586321|1562088|1548889|
il settimo sigillo|pizzol|edith stein|stalker|stallo|hesitation|1694485|gioia

sfoglia
gennaio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Add to Technorati Favorites


blog-rivista

Questo blog-rivista è una relazione telematica fondata sull’amicizia, un sentimento vivo e reciproco, una benevola disposizione intellettuale e morale.

Questo è un intreccio di lettura e scrittura, un luogo aperto di incontro, conversazione, partecipazione elaborativa, composto dalle rubriche minuscole di 'Fulmini' [autore] e dalle rubriche MAIUSCOLE di 'Saette' [co-autori]:

Dialoghi e Monologhi. IL LEGAME di Venises - che significa Venezie (in francese e in italiano: 22. 'Lezioni di Etica' ovvero LA TESI DI LAUREA DI EINSTEIN, 11 marzo 2008)

Foto e Grafie. I NOSTRI INVIATI di AlfaZita, Leonardo Ancillotto, Lorenzo Levrini, Valerio Magistro, Mara Misuraca, Khùtspe - che in lingua yiddish vuol dire 'faccia tosta', Luigi Russo, Syrah - che è il nome di un vino fruttato bilanciato e secco con note di visciola, ioJulia (64. AlfaZita - Ferrara, 12 marzo 2008, 17 marzo 2008)

PROVE DI DISCUSSIONE (15. Un viaggiatore, 'Il punto di vista di Un viaggiatore' ovvero IL SOGNO DI UNA COSA, 5 marzo 2008)

Poesia e Pittura. LO SPACCO di Umit Inatci (16. 'Auto Critica' ovvero PROFESSORE, SI TOLGA GLI OCCHIALI-BICICLO! IO STESSO RACCONTERO' DEL TEMPO, E DI ME, 14 febbraio 2008)

Racconti e Resoconti. AGATHOTOPIA - 'un buon posto per vivere' in greco antico - di Un viaggiatore (11. 'L'occasione di Ciccio' ovvero L'UOMO DI VETRO, 7 marzo 2008)

Minima moralia. A QUATTRO MANI di Fulmini e Tuoni, @lbelù, AlfaZita e Fulmini [12. AlfaZita e Fulmini, 'Kavafis per noi' ovvero E' FINITA, 4 marzo 2008]

Condivisioni di bloggers: l'evento più importante del mese nell'universo mondo. L'ULTIMOGIORNODELMESE (10. Febbraio 2008. AlfaZita, CIPRO; Claudio Ricci, COLORI; ioJulia, VARSAVIA; Khùtspe, GENOVA, 29 febbraio 2008)

Economia e Politica. IL CROGIOLO di Mario Pennetta (13. 'Il Partito Democratico e la sinistra massimalista' ovvero RIFORMISTI SUL SERIO E COMUNISTI A PAROLE - 22 febbraio 2008)

Audio e Visivo. EYES WIDE OPEN di Fabio Benincasa (8. 'Totò Riina contro Gregory House' ovvero RACCONTARE STORIE E MOSTRARE LA REALTA' SONO DUE COSE DIVERSE, 20 febbraio 2008)

Musica e Spazio. BRICIOLE MUSICALI di Venises, Ponchielli: Danza delle Ore
, 16 marzo 2008.

E' questa la musica che stai, state ascoltando.


Suono e Suoni. IL FONOGRAFO DI EDISON di Lorenzo Levrini (in inglese e in italiano - 3. 'Tecnologia e Musica' ovvero LA MUSICA DIGITALE HA UNIFORMATO IL NOSTRO TEMPO, 29 dicembre 2007)

Scienza e Religione. ZONE DI SOVRAPPOSIZIONE di Petilino (6. 'Dove si domanda se la religione necessita della divinità?' ovvero LA RELIGIONE E' UNA COSA, LA CHIESA UN'ALTRA, 16 marzo 2008)

Conti e Racconti. PROFILI di Mario DG (7. 'Uomini e lupi' ovvero LEI NON SA CHI SIAMO NOI, 19 marzo 2008)

Architetture e architetti. EDIFICI CONTEMPORANEI di Guido Aragona (5. 'Intervista al 'Sacro Volto' di Mario Botta' ovvero NON SETTE MA SETTANTA VOLTE SETTE, 29 febbraio 2008)

Poesie in lingua padre. LA LINGUA RUBATA di AlfaZita (7. 'più su' ovvero SPOSTAMENTI PROGRESSIVI DELLO SGUARDO
, 28 febbraio 2008)

Politica e società. SOCIOGRAFIE di Pietro Pacelli (6. 'Il rivoluzionario di professione' ovvero L'INCUBO DI UNA COSA, 3 marzo 2008)

Cose dell'altro mondo. PURE SCULTURE di Mimmo Pesce (6. 'Torso di Frankenstein', 1981, ANCHE IL MOSTRO HA UNA SUA BELLEZZA, 17 febbraio 2008)

Voci di ragazzi. TEMI MARIANI, ovvero temi in classe degli allievi di Maria Ruggiero (classe II B della Scuola Media Statale 'Caffaro' di Genova-Certosa) 5. Giulia, Una lettera aperta, 17 marzo 2008.

Invito all'Arte. PUNTI DI FUGA di Stefania Mola (4. 'Dall'Oriente con Passione' ovvero  LA PASSIONE E' NEGLI OCCHI DI CHI LA VEDE, 1 marzo 2008)

Davanti alla Legge. DIRITTO E ROVESCIO di 'Giuseppe' (3. 'Pensieri passeggeri sui fondamenti del diritto penale' ovvero E' DIFFICILE COMPIERE IL MALE SE SI HA COSCIENZA DI CIO' CHE SI STA FACENDO, 8 febbraio 2008)

Stato e Contro-Stato. LO STATO DEL MERIDIONE di Filippo Piccione (3. 'I numeri di Mafia + ’Ndrangheta + Camorra' ovvero 18.200 UOMINI DISPOSTI A TUTTO, 10 marzo 2008)

Musica sì ma leggera. LA COLONNA SONORA di Mario DG (2. 'Da Woody Guthrie a Bob Dylan' ovvero IL PRIMO DYLAN NON SI SCORDA MAI, 15 febbraio 2008)

A difesa del prossimo. APOLOGETICA di Giuseppe Nenna (2. 'Knowledge sharing' ovvero ISTRUITEVI, PERCHE' AVREMO BISOGNO DI TUTTA LA VOSTRA INTELLIGENZA, 18 febbraio 2008)

La nuova economia. ECONOMIA DI SOLIDARIETA' di Luis Razeto M. (1. 'Il prezzo giusto' ovvero OLTRE L'ECONOMICISMO (E IL RAZIONALISMO), OLTRE L'ETICISMO (E IL VOLONTARISMO), 21 gennaio 2008)

Sequenze fotografiche. THE LONDON EYE di Lorenzo Levrini (1. 'Cominciamo dall'ovvio' ovvero AVETE GLI OCCHI E VEDETE, AVETE LE ORECCHIE E SENTITE - 25 gennaio 2008)



 
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 
DIZIONARIO di FRANCESE
cerca:  
Francese - Italiano  
Italiano - Francese  


 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese