.
Annunci online

fulmini
e saette
CULTURA
21 marzo 2008
ci siamo trasferiti

 è

  primavera:

  dal blog-rivista è nato il sito-rivista

 www.fulminiesaette.it





CULTURA
17 marzo 2008
Diario della Sera - IL SUGGERITORE

FERRARA – Ristorante

‘La Provvidenza’, Corso Ercole d’Este, 9 (accanto al Palazzo dei Diamanti, lungo un viale di pioppi)

www.laprovvidenza.com

Salama da sugo con purea e patate


FERRARA – Ristorante

‘L’oca giuliva’, via Boccacanale di Santo Stefano, 38/40 (accanto al Castello Estense, sotto un portico)

www.ristorantelocagiuliva.it

Cappellacci di zucca

 

FERRARA – Osteria

‘La Compagnia del Ripa’, Via Ripagrande, 21/B

www.sergiojacuvella.it

Tagliatelle con asparagi, speck, uova

 

FERRARA – Bar

‘Bar Royal’, Via Mazzini, 57 (a vista della Piazza della Cattedrale)

Telefono: 0532 202024

Brioche con la crema

 

FERRARA – Panificio

‘La Bottega del Pane’ di Marco Musacci, Via Borgo dei Leoni, 55 (vicino al Palazzo Comunale)

Telefono: 0532 202565

Panetti con la rucola

 

FERRARA – Coltelleria

‘Coltelleria Dossi’, Via San Romano, 78 (nella zona del Ghetto)

coltelleriadossi@libero.it

 

FERRARA – Bed & Breakfast

‘Ca D’Este’ di Camilli Antonella, Corso Ercole I D’Este, 146 (accanto al Tiro a Segno)

Telefono: 0532 201390 / Email: cadeste2003@libero.it




permalink | inviato da fulmini il 17/3/2008 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
CULTURA
15 marzo 2008
Diario della Sera - 184 -

Massimo Gramellini (disonestá)

I critici che diffidano dei successi di massa sono stati diffidati dal vicedirettore de la Stampa’ Massimo Gramellini agitando e brandendo il fantasma di Carolina Invernizio, “ripubblicata in questi giorni dalla snob Einaudi” e “rispettosa del pubblico sino a sforzarsi di farsi comprendere”.

Massimo peró ha omesso i cognomi dei critici presenti, preferendo parlare degli assenti e additarne uno per educarne cento: “l’elitario Gramsci” – reo di aver definito “l’ultrapopolare” Carolina “onesta gallina della letteratura italiana”.

Evidentemente Gramellini é troppo occupato a scrivere per leggere, a scrivere di Gramsci per leggere i suoi Quaderni, ed esercitare da buon lettore su se stesso la “lotta contro l’estemporaneitá e la genericitá dei giudizi critici”.

Male per il suo pubblico, che si sforzerá invano di comprendere l’ossimoro (‘elitario Gramsci’), e peggio per lui: l’ansia di ultraspopolare sta gonfiando il disonesto galletto del giornalismo italiano fino alle misure e alle movenze del pavone di Apollinaire:

Quando allarga la ruota questo uccello

bellissimo a vedere

con le penne che strascicano a terra

sembra ancora piú bello

ma si scopre il sedere.

Luciano Canfora (esibizionismo)

Nella ricorrenza delle ‘idi di marzo’, giorno in cui – 2104 anni fa – fu ucciso Gaio Giulio Cesare, consiglio di leggere la piú saporita e viva biografia di questo gigante della letteratura e della politica e della guerra: Eberhard Horst, Cesare, Fabbri Editori.

Mentre scrivo mi torna in mente per associazione ossimorica la peggiore biografia di Cesare: Luciano Canfora, Il dittatore democratico, Laterza – accademica e inerte.

Questo Canfora, che il maestro suo testimoniava capace di sporcare tutto quello che toccava, quest’uomo che non brilla di luce propria ma fibrilla per riflettore puntato, non essendo stato invitato alla due giorni di studio sul papiro/secondo libro della geografia di Artemidoro a Berlino, soffrendo per un cosí lungo lasso di tempo la mancanza dell’occhio di bue, ha spedito ad alcuni invitati e partecipanti al convegno internazionale in corso una email nella quale ripete e grida anche in tedesco le sue spettacolari insinuazioni.

Il regime fascista lottava a tutti i costi per ‘un posto al sole’, il sublime Canfora non puó farsi bastare di tanto in tanto un posto all’ombra?

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 15/3/2008 alle 18:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
10 marzo 2008
LO STATO DEL MERIDIONE - 3 - Filippo Piccione, I numeri di Mafia+’Ndrangheta+Camorra
Il Contro-Stato del Meridione, Mafia+’Ndrangheta+Camorra, è forte di 18.200 uomini armati disposti a tutto.

Mafia: 5.500 affiliati. Ha struttura piramidale: famiglie, mandamenti, “cupola” o commissione. Le famiglie, suddivise in gruppi di dieci, dette decine, sono comandate da un capo decima e sono formate in media da cinquanta affiliati. Il mandamento è costituito da tre famiglie, i cui capi si riuniscono in una commissione provinciale. Un affiliato ogni 903  abitanti.

‘Ndrangheta: 6.000 affiliati, suddivisi in  clan: 73  a Reggio Calabria, 21 a Catanzaro, 17 a Cosenza, 7 a Vibo Valenzia, 13 a Crotone. Un affiliato ogni 345 abitanti.

Camorra: 6.700 affiliati - 75 clan operano soltanto a Napoli. Un camorrista ogni 840 abitanti.

Questo esercito degli uomini del disonore, diversamente organizzato sul territorio, muove un giro d’affari annuo di 93 miliardi di euro, così distribuito: 30 miliardi Mafia, 35 ‘Ndrangheta,  28 Camorra. L’ultimo Rapporto di Sos Impresa “Le mani della criminalità sulle imprese” ci dice che la Mafia+’Ndrangheta+Camorra S.p.a si conferma la prima azienda italiana con un fatturato pari al 6% del Prodotto interno lordo.

I tipi di attività proprie di queste grandi organizzazioni criminali sono:

Estorsioni (10 miliardi di euro).
E’ il tipico reato dell’attività predatoria criminale organizzata. Esso è finalizzato a sostenere le famiglie, i clan, le ‘ndrine, lo stipendio ai “carusi”, l’assistenza ai carcerati, il pagamento degli avvocati. Il “pizzo” garantisce la quotidianità della struttura malavitosa, accresce il suo dominio e il prestigio dei clan, controlla e misura il tasso di omertà di una zona, di un quartiere, di una comunità. In questo senso la mafia si fa Stato. I 160.000 commercianti colpiti dal racket, subiscono costi per un ammontare di 6 miliardi di euro.
Le forme estorsive classiche sono:
-    il pagamento concordato: si paga una tantum all’ingresso e si pattuiscono rate mensili o settimanali, rapportate al giro d’affari dell’impresa, piccola, media o grande, grandi o piccoli alberghi, negozi di lusso o  botteghe di modeste dimensioni, cantieri, studi professionali. Nel settore dell’edilizia viene pagato una quota a  vano costruito; negli appalti pubblici il “pizzo” varia a seconda dell’importo complessivo dell’aggiudicazione (in media 2-3%);
-    contributo “all’organizzazione” : periodicamente si presentano due o tre persone chiedendo ai titolari dell’azienda o del negozio contributi per le varie ricorrenze o a sostegno di iniziative sportive o l’acquisto di alcuni beni.
-    dazioni in natura: bar o ristoranti tenuti a organizzare gratuitamente cerimonie (battesimi, nozze o compleanni) per i familiari dei mafiosi.
   
Usura (30 miliardi di euro).
Si tratta di un fenomeno sociale diffuso. Alla fine del 2006 l’indebitamento delle famiglie ha raggiunto, secondo Bankitalia, i 350,2 miliardi di euro.  Oggi questa somma è gestita da Mafia+’Ndrangheta+Camorra per il 36% e tende a  crescere vistosamente. Nell’ultima relazione DIA si legge che “l’usura è esercitata da singoli soggetti professionali e della criminalità organizzata, costituendo lo strumento di penetrazione nel tessuto economico e l’opportunità per giungere a controllare piccole e medie imprese”. Si stima che il numero dei commercianti coinvolti in rapporti usurari è di circa 150.000 di cui un terzo s’indebita con la Mafia+’Ndrangheta+Camorra. Gli interessi sul capitale raggiungono e oltrepassano il 10% al mese.

La presenza massiccia della Mafia+’Ndrangheta+Camorra non si limita al solo aspetto predatorio. Essa tocca e si estende su ogni relazione economica e commerciale e su tutto il territorio nazionale. Se il racket è la quotidianità che garantisce la sopravvivenza dell’organizzazione, l’attività d’impresa rappresenta l’investimento per il futuro. I criminali organizzati si avvalgono di prestanomi o società di comodo per inserirsi in attività produttive ed imprenditoriali altamente remunerative.I settori più appetibili e strategici su cui agisce la Mafia+’Ndrangheta+Camorra sono: l’edilizia, lo smaltimento e la gestione  dei rifiuti, l’autotrasporto, le risorse idriche.

Per quanto riguarda i comparti agricolo, ittico e delle carni, la cosiddetta agromafia, cioè i segmenti meno industrializzati, le organizzazioni mafiose sono in grado di condizionare tutta la filiera che va dalla produzione all’arrivo delle merci nei porti, dai mercati all’ingrosso alla grande distribuzione, dal confezionamento alla commercializzazione. In quasi tutti i passaggi, la Mafia+’Ndrangheta+Camorra agisce alterando la libera concorrenza, la formazione dei prezzi, la qualità dei prodotti, il mercato del lavoro.

Passiamo in rassegna altri introiti provenienti dalle attività di Mafia+’Ndrangheta+Camorra.

Furti e rapine (7 miliardi), truffe (4,6 miliardi), contraffazione, cybercrime - pirateria informatica, audiovisiva, musicale - e contrabbando (9,6 miliardi), abusivismo (13 miliardi), agromafia (7,5 miliardi), controllo degli appalti e delle forniture (6,5 miliardi), giochi e scommesse (2,5 miliardi).

Cresce il condizionamento esercitato delle organizzazioni criminali Mafia+’Ndrangheta+Camorra nel tessuto economico del Paese. I settori di maggiore interesse sono: commercio e turismo; industria del divertimento, ristorazione veloce, super mercati; autosaloni, moda e attività sportive, i comparti dell’intermediazione e delle forniture di beni e servizi.

La cosiddetta area della collusione partecipata che investe la grande impresa italiana, impegnata nei grandi lavori e nelle opere pubbliche, si estende e si ramifica a macchia d’olio. La grande impresa preferisce venire a patti con la Mafia+’Ndrangheta+Camorra piuttosto che denunciarne i ricatti. L’allarme di Confindustria, culminato con l’espulsione dei soci collusi con la Mafia specialmente in Sicilia, non ha nessun tipo di conseguenze nei confronti di queste grandi imprese. Si tratta di società quotate in borsa, con sedi a Milano e a Torino e i cui amministratori delegati non hanno rapporti diretti con i criminali organizzati e, oltre tutto, sono in grado di avere relazioni personali e istituzionali che possono garantire loro la più ampia sicurezza.

Filippo Piccione

 
CULTURA
5 marzo 2008
Diario della Sera - 183 - I SUGGERITORI
Ferrara, o cara

AlfaZita vuol fare la festa a Fulmini (nell'occasione del di lui sessantesimo compleanno) con un viaggio a Ferrara, la settimana prossima.

Coloro che sanno consigliare loro un hotel e un ristorante francescani e simpatici, parlino ora o tacciano per sempre.

Grazie stragrazie.

Fulmini



permalink | inviato da fulmini il 5/3/2008 alle 17:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
CULTURA
2 marzo 2008
Diario della Sera - 182 - IL SUGGERITORE
il Post
che propongo stasera come post notevole è ‘Leichiè?’ di Prishilla
Tratta un tema classico con levità e senso della variazione.

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 2/3/2008 alle 20:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
2 marzo 2008
Eftimios - 50/42 - fiori-poesie: Trilussa, Lo scialletto
[Per il prato della poesia italiana di tutti i tempi che vado componendo in ricordo di Eftimios - il ragazzo dagli occhi lucenti - ho scelto un fiore-poesia di Trilussa. Un poeta che non è un grande poeta, lo so, e allora perché l’ho scelto? Per la ragione generale che per fare un prato servono fiori di diverse dimensioni, grandi e medie e piccole, come nella ideazione-composizione-esecuzione di una sinfonia. Osservate, ammira un prato fiorito e vedrete, vedrai ciò di cui parlo.

Secondo poi c’è una ragione particolare: racconta una forma d’amore, l’amore coniugale, che Eftimios non ha fatto in tempo e non ha avuto modo di conoscere se non indirettamente, o attraverso opere, e operine come questa.

Fulmini]


Lo scialletto
 
Cor venticello che scartoccia l'arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l'inverno che ariva e, come ar solito,
quanno passa de qua, lascia un bijetto.
Jole, infatti, me dice: - Stammatina
me vojo mette quarche cosa addosso;
nun hai sentito ch'aria frizzantina? -
E cava fôri lo scialletto rosso,
che sta riposto fra la naftalina.
 
- M'hai conosciuto proprio co' 'sto scialle:
te ricordi? - me chiede: e, mentre parla,
se l'intorcina stretto su le spalle -
S'è conservato sempre d'un colore:
nun c'è nemmeno l'ombra d'una tarla!
Bisognerebbe ritrovà un sistema,
pe' conservà così pure l'amore... -
E Jole ride, fa l'indiferente:
ma se sente la voce che je trema.
CULTURA
27 febbraio 2008
Diario della Sera - 181 - IL SUGGERITORE
la Conferenza Pubblica

Questa sera, mercoledì 27 febbraio 2008, Orlando Lentini (lo storico dei saperi sociali del quale vi ho già scritto l’altro giorno) alle ore 21.00 terrà una conferenza pubblica a Roma sul tema ‘La sinistra americana pensa il mondo’ (titolo del libro omonimo – Milano, Franco Angeli editore - del quale è autore e che sarà in libreria dopo il 20 marzo 2008) nella sede del Circolo PD Italia-Lanciani, Via Catanzaro 3 Roma, Roma / tel.06 44230414 / polis.ulivista@libero.it / http://www.albolapillo.it/

Si tratta della presentazione dei risultati di una ricerca svolta da Orlando Lentini fra il 2006 e il 2008 negli Stati Uniti, sulla sinistra intellettuale americana e i suoi modi di pensare il mondo. Individuati i tre principali esponenti della sinistra intellettuale critica in Gabriel Kolko, Immanuel Wallerstein e Andre Gunder Frank, viene preso in esame il processo di revisione della realtà virtuale liberal-marxista che ha dominato in Occidente almeno a partire dal Manifesto di Marx ed Engels.
La sinistra americana ha dovuto fare i conti con la metamorfosi corporata del capitalismo, che ha subordinato la democrazia ai suoi bisogni e contingenze organizzative, impedendo uno sviluppo adeguato dei principi e delle forme della socialdemocrazia. Negli anni cinquanta i liberal della guerra fredda hanno sostenuto l'imperialismo delle corporations senza falsi pudori, almeno fino alla guerra nel Vietnam.
La fase successiva è stata dominata dal lungo trauma ideologico seguito alla caduta dei 'socialismi reali' e all'ascesa di molti paesi del cosiddetto 'Terzo Mondo'. La sinistra americana si trova oggi a dover prendere atto della fine del liberalismo, del socialismo, ma anche della fine dell'Occidente.

Io ci vado. Se lo consiglio a voi, a te, vuoi che non lo consigli a me stesso?

Fulmini



permalink | inviato da fulmini il 27/2/2008 alle 17:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
26 febbraio 2008
Diario della Sera - 180 - IL SUGGERITORE
la Conferenza Pubblica

Domani sera, mercoledì 27 febbraio 2008, Orlando Lentini (lo storico dei saperi sociali del quale vi ho già scritto l’altro giorno) alle ore 21.00 terrà una conferenza pubblica a Roma sul tema ‘La sinistra americana pensa il mondo’ (titolo del libro omonimo – Milano, Franco Angeli editore - del quale è autore e che sarà in libreria dopo il 20 marzo 2008) nella sede del Circolo PD Italia-Lanciani, Via Catanzaro 3 ROMA, Roma / tel.06 44230414 / polis.ulivista@libero.it / http://www.albolapillo.it/

Si tratta della presentazione dei risultati di una ricerca svolta da Orlando Lentini fra il 2006 e il 2008 negli Stati Uniti, sulla sinistra intellettuale americana e i suoi modi di pensare il mondo. Individuati i tre principali esponenti della sinistra intellettuale critica in Gabriel Kolko, Immanuel Wallerstein e Andre Gunder Frank, viene preso in esame il processo di revisione della realtà virtuale liberal-marxista che ha dominato in Occidente almeno a partire dal Manifesto di Marx ed Engels.
La sinistra americana ha dovuto fare i conti con la metamorfosi corporata del capitalismo, che ha subordinato la democrazia ai suoi bisogni e contingenze organizzative, impedendo uno sviluppo adeguato dei principi e delle forme della socialdemocrazia. Negli anni cinquanta i liberal della guerra fredda hanno sostenuto l'imperialismo delle corporations senza falsi pudori, almeno fino alla guerra nel Vietnam.
La fase successiva è stata dominata dal lungo trauma ideologico seguito alla caduta dei 'socialismi reali' e all'ascesa di molti paesi del cosiddetto 'Terzo Mondo'. La sinistra americana si trova oggi a dover prendere atto della fine del liberalismo, del socialismo, ma anche della fine dell'Occidente.

Fulmini

***

Più di così...

Se ne è parlato ma... Metilparaben rompe completamente la divisione tra chi scrive e chi legge. Non mi soffermo con tante parole per non togliere il piacere della scoperta e del commento. Che ne pensate?
Buona serata a tutti.

Mario DG

(Ringraziamo Marino per la segnalazione)

CULTURA
24 febbraio 2008
Diario della Sera - 179 - IL SUGGERITORE
il Libro

Mi è dispiaciuto il comportamento di Aldo Moro prigioniero delle Brigate Rosse. Non tanto perché è stato vile (non pretendo da tutti l’eroismo) ma per la sua idea incivile – testimoniata non soltanto dai suoi ‘atti’ ma anche dalle ‘parole’ - che la vita di un individuo sia sempre e comunque più importante della vita civile della comunità a cui appartiene.

Io sono nato alla cultura ed alla civiltà leggendo e ammirando Socrate. Mi è piaciuto il suo doppio addio. Prima all’assemblea democratica giudicante i suoi crimini: “Ma è tempo di andare, io a morire, voi a vivere ancora. Chi di noi vada verso una sorte migliore è oscuro a tutti, fuori che al dio”. Poi ai suoi allievi, che lo invitavano a fuggire dal carcere per evitare la morte per cicuta: “Importante non è vivere, ma vivere rettamente.”

Tuttavia, leggendo il libro che Agnese figlia di Moro ha scritto sul padre (Un uomo così, Rizzoli 2008) ho appreso che quest’uomo, al matrimonio della figlia Fida, ha ricordato al sacerdote l’obbligo di leggere gli articoli del codice civile. Per ciò leggetevi, se ne avete cuore, questo libro, e buona notte.

Fulmini

CULTURA
22 febbraio 2008
Diario della Sera - 177 - IL SUGGERITORE
il Post-Poesia
‘e’ di Delfi. Una poesia visiva fatta con le parole.

Fulmini

la Testimonianza
“Non so se la vecchiaia comporta la saggezza, in ogni caso io non la voglio. La saggezza è il contrario dell’amore, la saggezza significa cercare di sopravvivere, evitare di mettere le dita nella corrente elettrica, l’amore significa vivere pericolosamente, senza cautele. Se fossi saggio non farei il cinema.“

Robert Altman (regista, poco prima di morire, vecchio,  pericolosamente)




permalink | inviato da fulmini il 22/2/2008 alle 19:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
CULTURA
21 febbraio 2008
Diario della Sera - 176 - IL SUGGERITORE
Non solo ‘confesso che ho vissuto’, ma d’essere stato addirittura a Palermo. Una città tanto accogliente da chiamarsi ‘tutto porto’. Vi consiglio, per esperienza diretta:

il Bed & Breakfast
L’Olivella – via Bara all’Olivella, 67 (a vista del Teatro Massimo)
Tel. +39 091 6110288 / +39 3476948662 / +39 3476240062
Sito: www.olivellabb.it / Email: info@olivellabb.it

il Caffè – Ristorante
Caffè del Kássaro – Corso Vittorio Emanuele, 390 (di fianco a Piazza Bologna)
Tel: +39 091 9821673

la Trattoria – Pizzeria
Al Carretto – salita Artale, 5 (dietro la Cattedrale)
Tel: +39 091 585785 / +39 3397906197

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 21/2/2008 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
18 febbraio 2008
Diario della Sera - 175 - IL SUGGERITORE
il Post

‘Tratto. Tempo. Distanza. Van Gogh e Monet’ di montgolfier.
Dice due parole sui due pittori, avvicinandosi a due quadri fin quasi a toccarli, e facendoteli vedere, quasi toccare.

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 18/2/2008 alle 18:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
17 febbraio 2008
Diario della Sera - 174 - IL SUGGERITORE
la Rete Televisiva

Ieri sera ho sentito le voci e le note dell’opera di Gluck  ‘Orfeo ed Euridice’ e visto la sua messa in scena realizzata da Pina Bausch. Dove? Sulla Rete Televisiva ARTE (francese e tedesca).

Tre meraviglie: l’Opera, la Messinscena, la Rete. Le prime due le avete perse. La terza tenetela d’occhio.

Fulmini


16 febbraio 2008
Diario della sera - 173 - Il suggeritore

Una mostra, anzi due al prezzo di una. Vado a vedere la personale dell’artista iraniana Avish Khebrehzadeh. Giovane e appassionata, ha studiato in Italia e poi è andata alla conquista degli USA. Ha vinto un premio alla Biennale d’Arte di Venezia nel 2003 e ora vive fra Washington e Roma. Oltre ai suoi quadri di piccole dimensioni che vanno a spasso fra Renoir, Picasso e il Rinascimento, spiccano due videoinstallazioni di estremo lirismo. Disegni animati proiettati su quadri. Immagini fisse e in movimento commentate da suoni. Nostalgia e riflessione fra la Persia e il post-modern. Poi ho scoperto che c’era anche un’antologica di Giuseppe Gallo, geniale artista meridionale trapiantato a Roma. Natura e cultura nel segno di una ricerca del senso tramite il simbolo. Sculture e quadri. Tutto da vedere al MACRO di Roma, via Reggio Emilia 54 e costa solo un euro. Il sito del museo è in allestimento, ma le mostre finiscono a metà marzo.

Sogniebisogni




permalink | inviato da fulmini il 16/2/2008 alle 22:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
15 febbraio 2008
Diario della Sera / IL SUGGERITORE diventa aperiodico
il Post
notevole prima di andare a letto? ‘Non si finisce mai di combattere’ di myfavoritethings
Una frase che ho sentito ripetere, sussurrare, cantare fra donne meridionali - nelle versioni ‘col marito’, ‘coi figli’, ‘con la polvere’ – quando ero ragazzo e meridionale.

il Concetto
La migliore spiegazione del concetto di ‘simbolo’ l’ho trovata ieri leggendo ‘la Repubblica’. Marco Politi intervistava Julien Ries studioso della preistoria della religione il quale alla domanda ‘Cos’è il simbolo?’ ha risposto mirabilmente così: “Symbolon in greco è una tessera spezzata in due parti. Rimettendole insieme, due persone si riconoscevano. Quindi significa un oggetto visibile che al tempo stesso rimanda ad una realtà che non si vede.”

Fulmini

Post scriptum
La rubrica Diario della Sera/IL SUGGERITORE diventa aperiodica. Lèggere di più e scrivere di meno – questo mi dico. Continuerò a leggervi, a leggerti, e anche a scrivere – come accennavo ieri attraverso Sciascia – meno tuttavia, e meglio (fino ai limiti delle mie possibilità).

CULTURA
14 febbraio 2008
Diario della Sera - 171 - IL SUGGERITORE
il Post
breve, memorabile, da leggere e rileggere, è ‘Mappe’ di squilibri.
Occhio all’incipit.

la Frase
Sfogliando un libro-interviste che non valeva la pena di leggere intero, ho letto e ritenuto una frase di Leonardo Sciascia.
La situazione lo dispera? – gli domanda l’intervistatore. E Sciascia: “Se uno è disperato sta fermo, non scrive. (attenti che arriva la frase:) Uno come me scrive un libro, sempre, anche contro se stesso.”

Fulmini


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. erri de luca leonardo sciascia

permalink | inviato da fulmini il 14/2/2008 alle 18:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
13 febbraio 2008
Diario della Sera - 170 - IL SUGGERITORE
il Post
eccitato, allegro, entusiastico che indico stasera come notevole è ‘Workshop internazionale. Giorno due.’ di Napolino.
Mostra il bello del lavoro paritario di gruppo, e delle commissioni democratiche - la democrazia è difficile ma è bella.

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 13/2/2008 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
12 febbraio 2008
Diario della Sera - 169 - IL SUGGERITORE
il Post
che ieri mi ha dato da pensare è ‘per me un blog è…’ di ungiardinoindiretta.

Per me il blog è una possibilità storicamente nuova di leggere-e-scrivere. Fino a ieri lo scrittore (il narratore, il giornalista...) e il lettore (dilettante o professionale) difficilmente comunicavano - e quando lo facevano, attraverso lettere private o 'al direttore', il fatto non cancellava la gerarchia dei ruoli. Oggi scrittore e lettore, attraverso i commenti (che io preferisco chiamare 'dialoghi') cominciano a comunicare paritariamente, ed a scambiarsi i ruoli (quando ne sono capaci: il lettore di scrivere e lo scrittore di leggere). Oggi il lettore sta diventando uno scrittore, e lo scrittore un lettore. Il lettore-scrittore e lo scrittore-lettore sono figure interessanti, culturalmente e politicamente interessanti. Lo sviluppo della democrazia passerà per questa strada.

Dal blog semplice possono nascere tante forme di comunicazione complessa, come il blog-rivista, una nuova specie di rivista, forse. Ci stiamo provando.

Fulmini


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog rivista lettore scrittore blog-rivista

permalink | inviato da fulmini il 12/2/2008 alle 18:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
11 febbraio 2008
Diario della Sera - 168 - IL SUGGERITORE
il Post
Ieri ho proposto un post “leggero come una cinciarella”, oggi ecco un post sulla cinciarella in persona ‘La cinciarella libera’ di leochedilorenz.
Roma è abitata non soltanto da questi famosi popolatori e dominatori del mondo che sono gli esseri umani, bensì anche da semplici cinciarelle. Beati coloro che hanno occhi per vederle e orecchi per sentirle.

Fulmini

CULTURA
10 febbraio 2008
Diario della Sera - 167 - IL SUGGERITORE
il Post
leggero come una cinciarella che vi propongo stasera è ‘RIVISTE / 500 poesie sulla poesia’ di silenziotraleparole. Dice due parole antiche e due nuove sul poeta e sulla poesia.

il Post-Articolo
preciso come una rondine che vale la pena di leggere è ‘Abusivismi’ di Ethos. Mostra cosa vuol dire informazione completa e intelligente.

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 10/2/2008 alle 18:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
10 febbraio 2008
fotografie 404 - Fulmini, 9 febbraio 2008
[In controcanto visivo ai due post che pubblichiamo oggi - sulla crisi finanziaria internazionale e sulla economia internazionale di 'ndrangheta, mafia e camorra - ecco una immagine della 'beata gioventù' del mondo]

Immagine della periferia
CULTURA
9 febbraio 2008
Diario della Sera - 166 - IL SUGGERITORE
il Post
che vi propongo stasera è ‘Venerdì’ di Prishilla
Testimonia come venerdì sia un giorno come tutti gli altri. Può essere l’inizio della fine, o l’inizio punto e virgola.

la Mostra
Il 4 febbraio Fabio Benincasa ha suggerito la mostra del fotografo giapponese Nobuyoshi Araki (Roma, Palazzo di Fontana di Trevi, via Poli 54). AlfaZita ed io l’abbiamo visitata questo pomeriggio: ci hanno convinto e commosso particolarmente i ritratti dell’album 'Tokyo Diary 2003-2007'.

Foto di Nobuyoshi Araki

Foto di Nobuyoshi Araki

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 9/2/2008 alle 18:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
8 febbraio 2008
Diario della Sera - 165 - IL SUGGERITORE
il Post
da leggere e vedere stasera è ‘Privilegi di natura’ di sbloggata
Ci ricorda – come recitava un film neorealista di Vittorio De Sica prima del neorealismo –  che ‘i bambini ci guardano’.

Fulmini




permalink | inviato da fulmini il 8/2/2008 alle 18:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
7 febbraio 2008
Diario della Sera - 165 - IL SUGGERITORE
il Post
veramente fulminante che propongo stasera è di Serafico
Lèggere per credere.

il Libro
che segnalo oggi è specialistico, e tocca un tema cruciale (specialmente per professori e genitori): ‘Minori e  media in Tv e nel cinema’ di Antonino Piccione, Il Nuovo Diritto (www.ilnuovodiritto.com ) 2008.
Fra l’altro mostra e dimostra come “la mediazione dello schermo televisivo domestico conferisca un’aura di normalità a situazioni spettacolari estreme”. (Non venite a dirmi che non vi avevo avvertito.)

Fulmini

la Critica
Un interessante post critico che fa il punto sulla satira in Italia, con osservazioni ben argomentate. Sul blog di GG

Sogniebisogni
CULTURA
6 febbraio 2008
Diario della sera - 164 - IL SUGGERITORE
 il Post

che vi indico, che ti propongo stasera è ‘Intervista a Francesco Guccini’ di ungiardinoindiretta

Dove il cantautore-scrittore emiliano-toscano (in una intervista fresca e calda come il pane appena uscito dal forno, anche perché semplicemente e integralmente trascritta – senza correzioni e limature) dice tra l’altro che non si sente un ‘artista’ ma un ‘suscitapensieri’.

Fulmini

*

il Corso di autodifesa per le donne

Certo poi possiamo parlarne e scendere nei particolari e magari chiosare ma credo che ogni cosa fatta per rendere questi nostri giorni più sicuri per le donne vada incoraggiata.
Come in molti altri posti anche nel nostro piccolo comune di Spinea (VE) si cominciano ad organizzare dei corsi di autodifesa per le donne. Sabato 09 Febbraio 2008 alle ore 16.00 verrà presentato, da parte dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Città di Spinea, il corso denominato “Corso di Sicurezza per le donne con tecniche antistupro” nella palestra Pascoli, in via Pascoli vicino Pattinodromo.
Comunque sono amici e persone da conoscere e ricche di interessi che non si fermano solo a questo ambito.

Mario DG

CULTURA
5 febbraio 2008
Diario della sera - 163 - IL SUGGERITORE

il Post
che propongo stasera è ‘madri dolorose’ di Remo Bassini
E’ costruito come la Sonata di Biagio Marini che Venises ci ha regalato (e che stai ascoltando). Un doppio regalo.

Fulmini

*

il Mondo Blog

Certo è mondo strano, insolito, variegato, insomma nuovo quello del blog. Un mondo attorno al quale varrebbe la pena soffermarsi a riflettere. L’Università di Ca’ Foscari (è necessario aggiungere di Venezia?), attraverso il suo sito, ha deciso di interrogarsi su questo universo. La ritengo una iniziativa degna di nota.
http://ibridamenti.splinder.com/
In un post di Galatea del 4 febbraio si cerca di aprire una discussione attorno al fenomeno del blog di Beppe Grillo
.

un Batuffolo di tenerezza
Per chi ha gatti, ma anche a chi non ne ha, un piccolo consiglio: leggetevi questa testimonianza.
http://rumoridigente.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1773275

Mario DG

CULTURA
4 febbraio 2008
Diario della Sera - 162 - IL SUGGERITORE
il Post
che mi ha convinto e commosso più di tutti oggi è ‘Il Maestro’ di Nefeli
Parla, con la precisione e la profondità proprie dell’aforisma, di ciò che lega e scioglie maestri e discepoli.

Fulmini

*
la Mostra
Ancora per qualche giorno, fino al 17 febbraio, è  in corso a Roma una mostra del fotografo giapponese Nobuyoshi Araki intitolata Araki GoldAraki è considerato uno dei maestri della fotografia giapponese contemporanea ed è noto specialmente per le sue immagini erotiche, venate di uno spiccato senso dell'umorismo e di malinconia. Immagini forti, a volte al limite del pornografico che sono qui accostate a ritratti, nature morte floreali, istantanee e decine di polaroid, uno dei mezzi espressivi favoriti del fotografo giapponese. La mostra si svolge al Palazzo di Fontana di Trevi, in via Poli 54 ed è gratuita, tutte le informazioni le trovate cliccando QUI.

Sogniebisogni
CULTURA
3 febbraio 2008
Diario della Sera - 161 - IL SUGGERITORE
il Post
che ti farà sognare stanotte è ‘Stranizza d’Amuri I’ di Garbo
Parla del comportamento ambiguo dei cristiani di fronte all’amore.

Mi ha dato sempre molto da pensare la frase di Gesù di Nazareth: “Ama il prossimo tuo come te stesso.”
Questa frase è verosimilmente sua: l’ha pronunciata, l’hanno ricordata, e trascritta. Non tutte le frasi riportate nei Vangeli come frasi sue lo sono – buona parte sono state immaginate, inventate, scritte da Marco, Matteo, Luca e Giovanni: sono di Gesù Cristo.
Cosa dice Gesù di Nazareth dicendo quella frase? “Come te stesso”. Ma tu, come ti ami?

Fulmini

CULTURA
2 febbraio 2008
Diario della Sera - 160 - IL SUGGERITORE
il Post
che renderà leggera la vostra, la tua serata, come una frappa, è ‘Sex…& the bar: una sedia per due’ di Irene Art Café
Mostra con leggerezza l’interno di un piccolo mondo civile.

l’Articolo
è ‘L’incanto di chi sa lavorare con le mani’ di Giorgio Valentino Bocca, sul ‘venerdì di Repubblica’ del 1 febbraio, di ieri insomma.
Che sia potuto venire in mente ai greci antichi che Fidia fosse inferiore a Platone o Parrasio ad Euripide non riesco a capacitarmene. Rivedo un frammento del Partenone e penso a quella prigione interna che si chiama ‘ideologia’.
Foto dal British Museum di Londra
[I NOSTRI INVIATI - 59 - AlfaZita, Londra – British Museum, 29 dicembre 2007]

Ah! Se lo nominate ad Atene (e non a Parigi o Londra, dove sta gran parte di ciò che ha fatto) non dite ‘Fìdia’ con l’accento sulla prima ‘i’ – che in greco moderno vuol dire ‘serpi’ - bensì ‘Fidìas’. Parrasio? Dove trovare qualcosa di Parrasio? Niente, non è rimasto niente. Fatevi bastare il ricordo.

Fulmini

sfoglia
febbraio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Add to Technorati Favorites


blog-rivista

Questo blog-rivista è una relazione telematica fondata sull’amicizia, un sentimento vivo e reciproco, una benevola disposizione intellettuale e morale.

Questo è un intreccio di lettura e scrittura, un luogo aperto di incontro, conversazione, partecipazione elaborativa, composto dalle rubriche minuscole di 'Fulmini' [autore] e dalle rubriche MAIUSCOLE di 'Saette' [co-autori]:

Dialoghi e Monologhi. IL LEGAME di Venises - che significa Venezie (in francese e in italiano: 22. 'Lezioni di Etica' ovvero LA TESI DI LAUREA DI EINSTEIN, 11 marzo 2008)

Foto e Grafie. I NOSTRI INVIATI di AlfaZita, Leonardo Ancillotto, Lorenzo Levrini, Valerio Magistro, Mara Misuraca, Khùtspe - che in lingua yiddish vuol dire 'faccia tosta', Luigi Russo, Syrah - che è il nome di un vino fruttato bilanciato e secco con note di visciola, ioJulia (64. AlfaZita - Ferrara, 12 marzo 2008, 17 marzo 2008)

PROVE DI DISCUSSIONE (15. Un viaggiatore, 'Il punto di vista di Un viaggiatore' ovvero IL SOGNO DI UNA COSA, 5 marzo 2008)

Poesia e Pittura. LO SPACCO di Umit Inatci (16. 'Auto Critica' ovvero PROFESSORE, SI TOLGA GLI OCCHIALI-BICICLO! IO STESSO RACCONTERO' DEL TEMPO, E DI ME, 14 febbraio 2008)

Racconti e Resoconti. AGATHOTOPIA - 'un buon posto per vivere' in greco antico - di Un viaggiatore (11. 'L'occasione di Ciccio' ovvero L'UOMO DI VETRO, 7 marzo 2008)

Minima moralia. A QUATTRO MANI di Fulmini e Tuoni, @lbelù, AlfaZita e Fulmini [12. AlfaZita e Fulmini, 'Kavafis per noi' ovvero E' FINITA, 4 marzo 2008]

Condivisioni di bloggers: l'evento più importante del mese nell'universo mondo. L'ULTIMOGIORNODELMESE (10. Febbraio 2008. AlfaZita, CIPRO; Claudio Ricci, COLORI; ioJulia, VARSAVIA; Khùtspe, GENOVA, 29 febbraio 2008)

Economia e Politica. IL CROGIOLO di Mario Pennetta (13. 'Il Partito Democratico e la sinistra massimalista' ovvero RIFORMISTI SUL SERIO E COMUNISTI A PAROLE - 22 febbraio 2008)

Audio e Visivo. EYES WIDE OPEN di Fabio Benincasa (8. 'Totò Riina contro Gregory House' ovvero RACCONTARE STORIE E MOSTRARE LA REALTA' SONO DUE COSE DIVERSE, 20 febbraio 2008)

Musica e Spazio. BRICIOLE MUSICALI di Venises, Ponchielli: Danza delle Ore
, 16 marzo 2008.

E' questa la musica che stai, state ascoltando.


Suono e Suoni. IL FONOGRAFO DI EDISON di Lorenzo Levrini (in inglese e in italiano - 3. 'Tecnologia e Musica' ovvero LA MUSICA DIGITALE HA UNIFORMATO IL NOSTRO TEMPO, 29 dicembre 2007)

Scienza e Religione. ZONE DI SOVRAPPOSIZIONE di Petilino (6. 'Dove si domanda se la religione necessita della divinità?' ovvero LA RELIGIONE E' UNA COSA, LA CHIESA UN'ALTRA, 16 marzo 2008)

Conti e Racconti. PROFILI di Mario DG (7. 'Uomini e lupi' ovvero LEI NON SA CHI SIAMO NOI, 19 marzo 2008)

Architetture e architetti. EDIFICI CONTEMPORANEI di Guido Aragona (5. 'Intervista al 'Sacro Volto' di Mario Botta' ovvero NON SETTE MA SETTANTA VOLTE SETTE, 29 febbraio 2008)

Poesie in lingua padre. LA LINGUA RUBATA di AlfaZita (7. 'più su' ovvero SPOSTAMENTI PROGRESSIVI DELLO SGUARDO
, 28 febbraio 2008)

Politica e società. SOCIOGRAFIE di Pietro Pacelli (6. 'Il rivoluzionario di professione' ovvero L'INCUBO DI UNA COSA, 3 marzo 2008)

Cose dell'altro mondo. PURE SCULTURE di Mimmo Pesce (6. 'Torso di Frankenstein', 1981, ANCHE IL MOSTRO HA UNA SUA BELLEZZA, 17 febbraio 2008)

Voci di ragazzi. TEMI MARIANI, ovvero temi in classe degli allievi di Maria Ruggiero (classe II B della Scuola Media Statale 'Caffaro' di Genova-Certosa) 5. Giulia, Una lettera aperta, 17 marzo 2008.

Invito all'Arte. PUNTI DI FUGA di Stefania Mola (4. 'Dall'Oriente con Passione' ovvero  LA PASSIONE E' NEGLI OCCHI DI CHI LA VEDE, 1 marzo 2008)

Davanti alla Legge. DIRITTO E ROVESCIO di 'Giuseppe' (3. 'Pensieri passeggeri sui fondamenti del diritto penale' ovvero E' DIFFICILE COMPIERE IL MALE SE SI HA COSCIENZA DI CIO' CHE SI STA FACENDO, 8 febbraio 2008)

Stato e Contro-Stato. LO STATO DEL MERIDIONE di Filippo Piccione (3. 'I numeri di Mafia + ’Ndrangheta + Camorra' ovvero 18.200 UOMINI DISPOSTI A TUTTO, 10 marzo 2008)

Musica sì ma leggera. LA COLONNA SONORA di Mario DG (2. 'Da Woody Guthrie a Bob Dylan' ovvero IL PRIMO DYLAN NON SI SCORDA MAI, 15 febbraio 2008)

A difesa del prossimo. APOLOGETICA di Giuseppe Nenna (2. 'Knowledge sharing' ovvero ISTRUITEVI, PERCHE' AVREMO BISOGNO DI TUTTA LA VOSTRA INTELLIGENZA, 18 febbraio 2008)

La nuova economia. ECONOMIA DI SOLIDARIETA' di Luis Razeto M. (1. 'Il prezzo giusto' ovvero OLTRE L'ECONOMICISMO (E IL RAZIONALISMO), OLTRE L'ETICISMO (E IL VOLONTARISMO), 21 gennaio 2008)

Sequenze fotografiche. THE LONDON EYE di Lorenzo Levrini (1. 'Cominciamo dall'ovvio' ovvero AVETE GLI OCCHI E VEDETE, AVETE LE ORECCHIE E SENTITE - 25 gennaio 2008)



 
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 
DIZIONARIO di FRANCESE
cerca:  
Francese - Italiano  
Italiano - Francese  


 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese