.
Annunci online

fulmini
e saette
SCIENZA
8 febbraio 2008
DIRITTO E ROVESCIO - 3 - Pensieri passeggeri sui fondamenti del diritto penale (3)
Ed ecco la terza parte e conclusiva del post numero uno di questa rubrica scientifica (la prima è stata pubblicata sul blog-rivista l'otto dicembre 2007, la seconda l'otto gennaio 2008)

Per quel poco che ho meditato finora, non c’è una “soluzione” unitaria a questo problema (riunisco virtualmente ad unità varie questioni e problemi: quello del male nel mondo, che è intimamente connesso con quello dell'educazione, legati entrambi a doppio filo con la prevenzione, e via scomponendo): essa va cercata in concreto, caso per caso.
Se vogliamo parlarne in astratto, possiamo solo dire ch’essa si articola in infiniti aspetti (come infiniti sono i casi che si presentano) che non possiamo analizzare, qui ed ora.
Possiamo però immaginare dei principi generali.
Lasciamo da parte l’ovvietà che prevenire è meglio che curare, e cioè che educare è meglio che rieducare.
Una prima domanda è: come rieducare?
Ma poi, si può rieducare qualcuno che non è disposto a tanto?
Pare comunque che dispieghi una certa efficacia far incontrare vittima e “carnefice”.
Ho sentito [qui purtroppo non posso citare le fonti, vado a memoria: si trattava dei telegiornali di qualche anno fa] di alcuni pirati della strada rimasti fortemente impressionati dall’incontro coi genitori delle vittime.
Spunti per altre riflessioni ce le offre l’esperimento di Stanley Milgram [per informazioni sul quale puoi consultare il sito della Northern Illionis University, alla pagina http://www3.niu.edu/acad/psych/Millis/History/2003/stanley_milgram.htm, il sito dell’Università di Rhode Island, all’indirizzo http://www.cba.uri.edu/Faculty/dellabitta/mr415s98/EthicEtcLinks/Milgram.htm, ed il sito della Santa Clara University, al collegamento http://www.scu.edu/ethics/practicing/decision/conscience.html; se giustamente preferisci l’italiano all’americano, puoi scaricarti dal sito dell’Università della Calabria la (in vero molto stringata) presentazione, visualizzabile con Microsoft PowerPoint, connettendoti ad http://www.csdim.unical.it/scienzeformazione/programmi/Psicologia%20sociale%20.11.ppt (diapositive 15-20)].
Questo esperimento ha mostrato che c’è un rapporto inversamente proporzionale tra la disponibilità ad esercitare la crudeltà e la prossimità della vittima: in parole povere, è difficile fare del male ad una persona vicina, mentre è progressivamente molto più facile infliggere dolore a qualcuno che vediamo da lontano, che possiamo solo udire, ed infine che non vediamo, né sentiamo.
Da questa e da altre analisi, mi pare di poter ricavare un principio generale: è difficile compiere il male se si ha coscienza di ciò che si sta facendo, se si sa che ciò che si sta compiendo è male.
E come si fa a non averne coscienza, dici tu?
Quando non si è stati educati a discernere tra bene e male, per esempio.
Ma poi è ciò che accade anche a noi, che siamo (al) bene educati, quando compiamo il male pensando di fare il bene, o magari non stiamo a pensarci troppo: non è che non siamo in grado di sapere ciò che stiamo facendo, ma non valutiamo correttamente il nostro operato, o non ci preoccupiamo di valutarlo.
Per non passare dal diritto alla filosofia (sapendone io poco del primo, e nulla della seconda), e rimanere invece nel concreto, voglio citare quanto dichiarato da un “uccisore” a Jean Hatzfield [A colpi di machete, Bompiani, 2004, pag. 28], nel contesto del massacro dei tutsi da parte degli hutu, in Ruanda:
 
Non mi ricordo della prima persona che ho ucciso perché nella ressa non ho capito chi era. Per fortuna ho cominciato ad uccidere parecchia gente senza guardarla in faccia.
 
E qualche riga sotto:
 
Mi ricordo però della prima persona che mi ha guardato quando l’ho colpita a morte. Quello sì che è stato impressionante. Gli occhi di qualcuno che uccidi sono immortali, se te li trovi di fronte al momento fatale. Sono di uno spaventoso colore nero. Fanno più impressione del sangue e dei rantoli delle vittime, anche in un immenso frastuono di morte. Gli occhi di chi uccidi sono una disgrazia se li guardi. Sono il rimprovero della persona che stai uccidendo.
 
Un cantautore che ha segnato la mia infanzia, un certo Fabrizio De André, in una canzone [Fabrizio De André, La guerra di Piero, Edizioni Leonardi s.r.l., La Cascina Edizioni Musicali s.r.l., 1968] descriveva un soldato che esitava ad uccidere il nemico, proprio perché non voleva vedere “gli occhi di un uomo che muore”:
 
E se gli sparo in fronte o nel cuore
soltanto il tempo avrà per morire,
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore.

 
Ce ne sarebbe da dire – e da cantare – ma per oggi, per questo primo post, ci fermiamo qui.

Giuseppe
sfoglia
gennaio        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Add to Technorati Favorites


blog-rivista

Questo blog-rivista è una relazione telematica fondata sull’amicizia, un sentimento vivo e reciproco, una benevola disposizione intellettuale e morale.

Questo è un intreccio di lettura e scrittura, un luogo aperto di incontro, conversazione, partecipazione elaborativa, composto dalle rubriche minuscole di 'Fulmini' [autore] e dalle rubriche MAIUSCOLE di 'Saette' [co-autori]:

Dialoghi e Monologhi. IL LEGAME di Venises - che significa Venezie (in francese e in italiano: 22. 'Lezioni di Etica' ovvero LA TESI DI LAUREA DI EINSTEIN, 11 marzo 2008)

Foto e Grafie. I NOSTRI INVIATI di AlfaZita, Leonardo Ancillotto, Lorenzo Levrini, Valerio Magistro, Mara Misuraca, Khùtspe - che in lingua yiddish vuol dire 'faccia tosta', Luigi Russo, Syrah - che è il nome di un vino fruttato bilanciato e secco con note di visciola, ioJulia (64. AlfaZita - Ferrara, 12 marzo 2008, 17 marzo 2008)

PROVE DI DISCUSSIONE (15. Un viaggiatore, 'Il punto di vista di Un viaggiatore' ovvero IL SOGNO DI UNA COSA, 5 marzo 2008)

Poesia e Pittura. LO SPACCO di Umit Inatci (16. 'Auto Critica' ovvero PROFESSORE, SI TOLGA GLI OCCHIALI-BICICLO! IO STESSO RACCONTERO' DEL TEMPO, E DI ME, 14 febbraio 2008)

Racconti e Resoconti. AGATHOTOPIA - 'un buon posto per vivere' in greco antico - di Un viaggiatore (11. 'L'occasione di Ciccio' ovvero L'UOMO DI VETRO, 7 marzo 2008)

Minima moralia. A QUATTRO MANI di Fulmini e Tuoni, @lbelù, AlfaZita e Fulmini [12. AlfaZita e Fulmini, 'Kavafis per noi' ovvero E' FINITA, 4 marzo 2008]

Condivisioni di bloggers: l'evento più importante del mese nell'universo mondo. L'ULTIMOGIORNODELMESE (10. Febbraio 2008. AlfaZita, CIPRO; Claudio Ricci, COLORI; ioJulia, VARSAVIA; Khùtspe, GENOVA, 29 febbraio 2008)

Economia e Politica. IL CROGIOLO di Mario Pennetta (13. 'Il Partito Democratico e la sinistra massimalista' ovvero RIFORMISTI SUL SERIO E COMUNISTI A PAROLE - 22 febbraio 2008)

Audio e Visivo. EYES WIDE OPEN di Fabio Benincasa (8. 'Totò Riina contro Gregory House' ovvero RACCONTARE STORIE E MOSTRARE LA REALTA' SONO DUE COSE DIVERSE, 20 febbraio 2008)

Musica e Spazio. BRICIOLE MUSICALI di Venises, Ponchielli: Danza delle Ore
, 16 marzo 2008.

E' questa la musica che stai, state ascoltando.


Suono e Suoni. IL FONOGRAFO DI EDISON di Lorenzo Levrini (in inglese e in italiano - 3. 'Tecnologia e Musica' ovvero LA MUSICA DIGITALE HA UNIFORMATO IL NOSTRO TEMPO, 29 dicembre 2007)

Scienza e Religione. ZONE DI SOVRAPPOSIZIONE di Petilino (6. 'Dove si domanda se la religione necessita della divinità?' ovvero LA RELIGIONE E' UNA COSA, LA CHIESA UN'ALTRA, 16 marzo 2008)

Conti e Racconti. PROFILI di Mario DG (7. 'Uomini e lupi' ovvero LEI NON SA CHI SIAMO NOI, 19 marzo 2008)

Architetture e architetti. EDIFICI CONTEMPORANEI di Guido Aragona (5. 'Intervista al 'Sacro Volto' di Mario Botta' ovvero NON SETTE MA SETTANTA VOLTE SETTE, 29 febbraio 2008)

Poesie in lingua padre. LA LINGUA RUBATA di AlfaZita (7. 'più su' ovvero SPOSTAMENTI PROGRESSIVI DELLO SGUARDO
, 28 febbraio 2008)

Politica e società. SOCIOGRAFIE di Pietro Pacelli (6. 'Il rivoluzionario di professione' ovvero L'INCUBO DI UNA COSA, 3 marzo 2008)

Cose dell'altro mondo. PURE SCULTURE di Mimmo Pesce (6. 'Torso di Frankenstein', 1981, ANCHE IL MOSTRO HA UNA SUA BELLEZZA, 17 febbraio 2008)

Voci di ragazzi. TEMI MARIANI, ovvero temi in classe degli allievi di Maria Ruggiero (classe II B della Scuola Media Statale 'Caffaro' di Genova-Certosa) 5. Giulia, Una lettera aperta, 17 marzo 2008.

Invito all'Arte. PUNTI DI FUGA di Stefania Mola (4. 'Dall'Oriente con Passione' ovvero  LA PASSIONE E' NEGLI OCCHI DI CHI LA VEDE, 1 marzo 2008)

Davanti alla Legge. DIRITTO E ROVESCIO di 'Giuseppe' (3. 'Pensieri passeggeri sui fondamenti del diritto penale' ovvero E' DIFFICILE COMPIERE IL MALE SE SI HA COSCIENZA DI CIO' CHE SI STA FACENDO, 8 febbraio 2008)

Stato e Contro-Stato. LO STATO DEL MERIDIONE di Filippo Piccione (3. 'I numeri di Mafia + ’Ndrangheta + Camorra' ovvero 18.200 UOMINI DISPOSTI A TUTTO, 10 marzo 2008)

Musica sì ma leggera. LA COLONNA SONORA di Mario DG (2. 'Da Woody Guthrie a Bob Dylan' ovvero IL PRIMO DYLAN NON SI SCORDA MAI, 15 febbraio 2008)

A difesa del prossimo. APOLOGETICA di Giuseppe Nenna (2. 'Knowledge sharing' ovvero ISTRUITEVI, PERCHE' AVREMO BISOGNO DI TUTTA LA VOSTRA INTELLIGENZA, 18 febbraio 2008)

La nuova economia. ECONOMIA DI SOLIDARIETA' di Luis Razeto M. (1. 'Il prezzo giusto' ovvero OLTRE L'ECONOMICISMO (E IL RAZIONALISMO), OLTRE L'ETICISMO (E IL VOLONTARISMO), 21 gennaio 2008)

Sequenze fotografiche. THE LONDON EYE di Lorenzo Levrini (1. 'Cominciamo dall'ovvio' ovvero AVETE GLI OCCHI E VEDETE, AVETE LE ORECCHIE E SENTITE - 25 gennaio 2008)



 
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   


 
DIZIONARIO di FRANCESE
cerca:  
Francese - Italiano  
Italiano - Francese  


 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese